Chiesa di San Domenico Maggiore

Chiesa di San Domenico Maggiore

Il complesso fu fatto edificare tra il 1283 e il 1324 per volontà di Carlo d'Angiò in forme gotiche, divenendo ben presto il principale centro dell'ordine domenicano nel regno di Napoli. La chiesa è ricchissima di opere d'arte testimonianza della scultura napoletana del Cinquecento e del Seicento e di importanti affreschi e dipinti. Con i rifacimenti seicenteschi, il gotico lasciò il posto al barocco, e a poco servirono i tentativi di ripristino del vecchio stile, messi in atto nell'ottocento, che videro un eccessivo uso di stucchi e dorature, compromettendo l'aspetto originario del complesso.

print